Il premio Nobel per la Pace 2011 a tre donne.

Da sinistra Ellen Johnson Sirleaf, Leymah Gbowee, Tawakkul Karman

 Ad Oslo il Premio è stato assegnato alla liberiana Ellen Johnson Sirleaf, alla sua compatriota Leymah Gbowee  e alla yemenita Tawakkul Karman per  la loro battaglia non violenta per la sicurezza delle donne e per i diritti delle donne a partecipare alla costruzione della pace.  Il comitato per il Nobel ha spiegato la scelta di quest’anno come un riconoscimento del rafforzamento del ruolo delle donne, in particolare nei paesi in via di sviluppo.

Ellen Johnson Sirleaf è la prima presidente donna di uno stato africano, la Liberia, democraticamente eletta nel 2005 e che affronterà nuove elezioni nel corso di questo mese; la Sirleaf, 72 anni, ha studiato economia ad Harvard e lavora nel sua paese per promuovere la pace e la posizione delle donne.

Leymah Gbowee, 39 anni, anch’essa Liberiana, soprannominata “la guerriera della pace” è attivista pacifica nel suo paese e ha organizzato un gruppo di donne cristiane e musulmane per sfidare i signori della guerra civile

Tawakkul Karman, 32 anni, attivista Yemenita per i diritti umani, in particolare quelli delle donne e per la democrazia dello Yemen, un paese in preda a gravi conflitti sociali e politici. Karman è la fondatrice della rivista “Giornaliste senza catene”

Il premio Nobel per la Pace quest’anno è stato anche assegnato alla fondazione Auschwitz-Birkenau a 65 anni dalla liberazione da parte delle forze alleate del Lager di Auschwitz; la fondazione si è occupata fino ad ora di conservare  i Luoghi della Memoria.





indietro