SUD SUDAN - governo rinnova impegno contro utilizzo bambini soldati

Nel corso di una cerimonia al quartier generale del SPLA (Esercito di Liberazione del popolo del Sudan) a Giuba, il Governo del Sud Sudan ha rinnovato formalmente il suo impegno al Piano d'Azione sottoscritto nel 2012 con le Nazioni Unite per porre fine ad arruolamento e uso dei bambini nelle forze armate governative e di altre gravi violazioni contro i bambini.

 

''I bambini non fanno parte di nostri gruppi armati e mi impegno personalmente, a nome del Governo, ad attuare pienamente le disposizioni del Piano d'Azione'', ha dichiarato Koul Manyang Juuk, Ministro della Difesa e dei Reduci del Sud Sudan.

 

L'accordo di oggi (25 Giugno 2014) - si legge in un nota dell'Unicef - fa riferimento alle misure del Piano d'Azione del 2012 e comprende: rilascio di tutti i bambini associati a forze di sicurezza governative, inclusi servizi per la riunificazione e il reintegro con le famiglie; esame delle gravi violazioni contro i bambini e individuazione dei responsabili.

 

 ''Sono molto soddisfatto che il governo del Sud Sudan abbia rinnovato il suo impegno per il Piano d'Azione, un importante primo passo per i diritti dei bambini nel paese e per evitare la perdita di un'altra generazione'', ha detto Toby Lanzer, Vice Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite della Missione in Sud Sudan, che ha sottoscritto l'accordo a nome delle Nazioni Unite.

 

Leila Zerrougi, Rappresentante Speciale del Segretario Generale per i bambini nei conflitti armati, e Jonathan Veitch, Rappresentante UNICEF in Sud Sudan, hanno preso parte all'evento.

 

FONTE: Ansa.it




indietro