Repair Café – se vi si rompe qualcosa andate a bervi un caffè

http://comune-info.net/wp-content/uploads/2013/04/slider_4_small-300x134.jpg

Nel 2009, una giornalista, appena diventata  mamma del secondo figlio, con l’attenzione al risparmio, si è resa conto che forse  buttare sempre via ciò che non funziona più non è sempre la cosa migliore, quindi ecco l’idea!

 

 la Repair Cafe Foundation.

 

Sì...ma di cosa si tratta?

Ebbene, un Repair cafè non è altro che un posto dove si va per  riparare le proprie cose rotte; questi luoghi sono muniti di vere postazioni di lavoro e officine con attrezzature di vario genere come saldatrici, cacciaviti, compressori, chiavi inglesi, macchine da cucire e strumenti di precisione e di una libreria specializzata con volumi e riviste scientifiche sul bricolage. L’aspetto interessante è che oltre a fornire un servizio fai-da-te gratutito, si servono anche caffè, o te con biscotti, agli innumerevoli clienti;

ecco quindi,che, oltre all’etica del recupero,in questi Cafè  si favorisce anche la socializzazione. Di fatto, le persone con la capacità di riparare oggettti, si mettono al servizio della comunità dimostrando anche che la politica dell’usa e getta spesso è controproducente, inoltre questa idea si allinea perfettamente con  il concetto di sostenibilità ambientale: ridurre rifiuti  recuperando oggetti che possono tornare ad essere perfettamente funzionanti.

 

Chiaramentre, tutto questo non vuole mettere a rischio la categoria dei rivenditori specializzati, tant’è che questi Cafè non forniscono pezzi originali di ricambio, ma si limitano ad aiutare per riparare ciò che non funziona in maniera artigianale. Spesso, infatti, chi accede a questo servizio sono di solito abitanti del quartiere che preferiscono recuperare i loro oggetti piuttosto che buttarli via, vuoi per precarie condizioni economiche vuoi per un occhio più attento alle sorti del pianeta.

 

L’idea della Repair Cafè Foundation, che all’inizio era nata come associazione che andava in giro con un bus a riparare le cose, oggi sta prendendo piede specialmente in Olanda dove i gruppi che gestiscono i Repair Café (aperti solo qualche giorno al mese) sono ormai una trentina e ne stanno nascendo altri un po' ovunque: in America, Canada, oltre che in Francia, Germania e Italia

 

insomma...evviva la politica del recupero e sopratutto se essa costitutisce anche un momento di socializzazione e di scambio intelligente!

 

LEGGILA IN ESPERANTO




indietro