A Napoli: il taxi della felicità

L'idea per questa interessante iniziativa parte dal lungometraggio di Rak. Se ne è parlato tanto sui media nelle scorse settimane. La pellicola racconta la storia di Sergio, un uomo che guida un taxi bianco nella città di Napoli e che si sente intrappolato in una vita che non gli appartiene. I passeggeri che salgono a bordo raccontano storie di vita delle quali Sergio si nutre per fuggire dai suoi problemi. Ha abbandonato la sua passione per la musica, ha perso di vista i sogni e, soprattutto, ha visto suo fratello Alfredo partire per il Tibet alla ricerca di un percorso spirituale. 

 

Il 25 settembre, tante persone elaboravano pensieri profondi e cercavano il taxi che riportava il logo della manifestazione. Gli autisti erano tutti pronti ad ascoltare riflessioni sulla felicità e sul desiderio.

 

I pensieri divulgati dai suoi passeggeri saranno condivisi sui principali social network in questi giorni. 




indietro